In vista di un’altra estate di disastri climatici, parliamo di soluzioni reali

Categories:
Localizations:

In collaborazione con Freedom, presentiamo un breve testo di Peter Gelderloos che esplora i motivi per cui le strategie che i movimenti ambientalisti mainstream stanno attualmente impiegando per arrestare il cambiamento climatico prodotto industrialmente stanno fallendo e cosa potremmo invece fare. Per un approfondimento di queste tematiche, consigliamo il nuovo libro di Peter, The Solutions are Already Here: Strategie per una rivoluzione ecologica dal basso.


In vista di un’altra estate di disastri climatici, parliamo di soluzioni reali

Il movimento climatico mainstream parte da una premessa che garantisce il fallimento.

Non solo il fallimento. La catastrofe. E più è efficace, più danni causerà.

Analizziamo il perché.

Riduzionismo climatico

Quando si parla di ambientalismo al giorno d’oggi, è probabile che si pensi alla disobbedienza civile nelle strade, all’attivismo dei media, all’entusiastica attività di lobbying e alle conferenze che mirano a fissare obiettivi globali per le emissioni di carbonio, il tutto sotto la guida di organizzazioni non governative, di accademici e di politici progressisti. La lotta ecologica, tuttavia, ha sempre incluso anche correnti anticapitaliste e anticoloniali, che, negli ultimi due decenni, sono diventate più forti, più dinamiche e meglio collegate.

Questa crescita, tuttavia, non è stata priva di battute d’arresto, spesso causate da un’intensa repressione mirata che ha lasciato i movimenti esausti e traumatizzati, come la Green Scare iniziata nel 2005 e la repressione di Standing Rock e di altri movimenti contro gli oleodotti, promossi dagli indigeni un decennio dopo. Sistematicamente, proprio nei momenti in cui le correnti radicali si leccano le ferite, la visione prevalentemente bianca e borghese dell’ambientalismo sale sul palcoscenico e spinge l’intera conversazione in direzioni riformiste.1

La crisi reale che stiamo affrontando è una crisi ecologica complessa, in cui si intrecciano diversi aspetti: uccisioni da parte della polizia, leggi repressive, storie di colonialismo e supremazia bianca, perdita degli habitat, esproprio delle terre, culture alimentari, salute umana, urbanistica, confini e guerre. La leadership del movimento ambientalista ha preso la decisione strategica di ridurre tutto questo a una questione di clima - la crisi climatica - e di ricollocare lo Stato come protagonista, come nostro potenziale salvatore. Questo significa mettere al centro l’Accordo di Parigi e i vertici della COP come soluzione al problema, e usare l’attivismo performativo e la disobbedienza civile per chiedere cambiamenti delle politiche e investimenti a sostegno dell’energia verde.

Il riscaldamento climatico è in atto, e i vertici internazionali sul clima non aiutano.

Un fallimento prevedibile

I due pilastri della loro strategia per affrontare la crisi climatica sono, in primo luogo, l’aumento della produzione di energia verde e, in secondo luogo, la riduzione delle emissioni di carbonio.

Sono stati molto efficienti per quanto riguarda il primo obiettivo e completamente inefficaci per quanto riguarda il secondo. Questo era del tutto prevedibile.

Chiunque capisca come funziona la nostra società - cioè come funziona il capitalismo - sa che il probabile risultato di un aumento degli investimenti nell’energia verde sarà un aumento della produzione di combustibili fossili. Il motivo principale è che le centinaia di miliardi di dollari già investiti in oleodotti, miniere di carbone, raffinerie di petrolio e impianti di fracking sono capitali fissi: valgono molto, ma non sono soldi in un conto bancario che possono essere rapidamente investiti altrove, trasformati in azioni, o in immobili, oppure convertiti in un’altra valuta.

Un escavatore a carbone da 14.000 tonnellate, una piattaforma petrolifera offshore non si trasformeranno mai in qualcosa che abbia lo stesso valore finanziario. Si tratta di denaro che è stato speso, un investimento che è utile ai capitalisti solo se possono continuare a usarlo per estrarre carbone o trivellare petrolio. Questa regola economica vale sia che l’impresa capitalista in questione sia la ExxonMobil, la compagnia petrolifera di Stato saudita, o la China Petrochemical Corporation, di proprietà del Partito Comunista (che nel 2021 è stata inserita nella lista delle maggiori compagnie energetiche del mondo).

Il capitalismo (compreso quello praticato da tutti i governi socialisti del mondo) si basa sulla crescita. Se gli investimenti in energia verde crescono, portando a un aumento della produzione totale di energia, il prezzo dell’energia diminuirà, il che significa che i grandi industriali produrranno una quantità maggiore di qualsiasi bene che producono, rendendo i loro prodotti più economici nella speranza che i consumatori ne acquistino di più. Di conseguenza, il consumo totale di energia aumenterà. Questo vale per l’energia proveniente da tutte le fonti disponibili, in particolare quelle più consolidate: i combustibili fossili.

Dopo decenni di investimenti, l’energia verde diventerà finalmente competitiva dal punto di vista dei costi o più conveniente rispetto all’energia prodotta dai combustibili fossili. Ciò ha iniziato a verificarsi solo negli ultimi anni, anche se i prezzi fluttuano ancora a seconda della zona e del tipo di produzione energetica. L’industria dei combustibili fossili non ha abbandonato le proprie attività né diminuito la produzione. Molte aziende non copriranno nemmeno i loro investimenti tra i combustibili fossili e l’energia verde. Ciò che faranno, invece, è investire maggiormente in nuovi progetti di energia fossile. Questa è l’economia capitalistica di base: se il margine di prezzo di un prodotto diminuisce, l’unico modo per mantenere o aumentare i profitti è incrementare la produzione totale. Questo spiega perché il 2023 è stato un anno di punta per nuovi progetti di combustibili fossili.

C’è un altro modo per aumentare i profitti: diminuire i costi di produzione. Per l’industria dei combustibili fossili, ciò significa ridurre gli standard di sicurezza e di tutela ambientale, il che significa più incidenti, più inquinamento e più morti.

Lo avevamo previsto. Abbiamo detto che stava accadendo. E siamo stati esclusi dalla conversazione, in molti casi uccisi o imprigionati, perché il disperato bisogno di credere che il governo possa salvarci è ancora più grande della dipendenza dai combustibili fossili.

Ma il capitalismo non ha futuro su questo pianeta. Avremo bisogno di una rivoluzione di vasta portata per affrontare questa crisi.

Per ciascuna barra, la barra blu chiara a sinistra rappresenta l’energia “pulita”; la barra blu scura a destra rappresenta i combustibili fossili. Fonte: Rapporto World Energy Investment 2023.

Nonostante gli investimenti annuali in energia “verde” siano aumentati in modo significativo, anche la produzione e il consumo di combustibili fossili continuano ad aumentare. Fonte: Rassegna statistica dell’energia mondiale 2023.


E allora cosa facciamo?

Dobbiamo spostare la conversazione. Dobbiamo posizionarci per essere pronti per il lungo periodo. Dobbiamo sostenere le lotte che possono portare piccole vittorie e aumentare il nostro potere collettivo, e approfondire il nostro rapporto con il territorio che ci può sostenere. Soprattutto, dobbiamo immaginare un futuro migliore di quello che ci riservano.

Parlare

Il tipo di trasformazione sociale - una rivoluzione globale - che può guarire le ferite che abbiamo inflitto al pianeta stesso e a tutti i suoi sistemi viventi, dovrà essere più ampio di qualsiasi cosa abbiamo mai sperimentato. Questa crisi intrappola e danneggia tutti quanti; la risposta richiederà il maggior numero possibile di noi.

Immaginate tutte le persone della vostra vita che non volete muoiano di fame, di cancro, di eventi meteorologici estremi o abbattute dalla polizia o da altri suprematisti bianchi.

Non è necessario convincere tutte queste persone a diventare rivoluzionari anarchici. Basterebbe convincere alcune di loro a rinunciare alla loro lealtà nei confronti delle istituzioni dominanti e dei movimenti riformisti mainstream e a simpatizzare con un approccio rivoluzionario, o almeno a capire perché tale approccio ha un senso.

Un modo per farlo è porre una domanda con una risposta indiscutibile, una domanda che abbia un’attinenza diretta con una questione che li riguarda o li motiva. Per esempio:

  • Quante persone muoiono ogni anno per mancanza di acqua potabile, carestie, condizioni meteorologiche estreme, inquinamento atmosferico e altre cause legate alla crisi ecologica? Almeno 10-20 milioni di persone ogni anno, e il numero è in crescita.
  • Dal 2017, gli investimenti nelle energie rinnovabili sono aumentati ogni anno. Nel 2022, gli investimenti nelle fonti rinnovabili saranno 15 volte superiori a quelli del 2004. È stato redditizio per gli investitori? Sì. L’investimento annuale è di oltre un trilione di dollari e i profitti superano i cento miliardi, anche se gli investitori hanno dimostrato di ritirare rapidamente i loro soldi dall’energia verde quando i margini di profitto scendono. Cosa è successo alle emissioni globali di CO2 in questo stesso periodo di tempo? Sono aumentate di un terzo. E la produzione di combustibili fossili nello stesso periodo? È aumentata del 40%. Sono più o meno gli stessi tassi di aumento delle emissioni di carbonio e della produzione di combustibili fossili nei decenni precedenti? Sì. E cosa significa? Il boom degli investimenti nell’energia verde non ha rallentato in alcun modo la produzione di combustibili fossili e le emissioni di carbonio, anche se i nuovi progetti di estrazione di questi ultimi sono diventati più difficili e più costosi.
  • La nostra acqua, l’aria e il cibo sono pieni di sostanze chimiche velenose. Molte di queste sono legate alla produzione di plastica, ai pesticidi, alle sostanze chimiche eterne (PFAS), all’estrazione mineraria e alla combustione di carburanti fossili. I pericoli della maggior parte di questi composti sono noti da decenni e molti di essi sono vietati o regolamentati da vari governi. Nel complesso, le quantità di queste tossine nel nostro ambiente stanno aumentando o diminuendo? Stanno aumentando. Cosa hanno fatto molte grandi aziende chimiche in risposta alla messa al bando del PFOA, una sostanza tossica “eterna”? Sono passate alla produzione di altri PFAS, anch’essi noti o ritenuti tossici. Sappiamo quanto efficacemente questi divieti vengono applicati? Cinque anni dopo aver accettato di eliminare gradualmente il PFOA in risposta alle pressioni del governo, le fabbriche chimiche DuPont continuavano a scaricare PFOA nelle falde acquifere. Probabilmente lo fanno ancora adesso, ma le comunità colpite non hanno le risorse per scoprirlo e il governo non lo monitora.
  • Analizziamo una questione parallela, per vedere se questo riformismo ha dato risultati in altri contesti. Nel 2020, città e Stati di tutti gli Stati Uniti hanno cercato di placare il movimento contro gli omicidi della polizia approvando misure per garantire la responsabilità della forza pubblica, da corsi di formazione sulla sensibilità razziale a commissioni di controllo dei cittadini, da linee guida più severe sull’uso della forza a telecamere obbligatorie. Il numero di uccisioni da parte della polizia è diminuito da allora? No, è aumentato.

Dopo aver condiviso le risposte a queste domande, potete sottolineare che la riforma del sistema esistente è una strategia fallimentare e chiedere loro se si impegnano a provare la stessa strategia ancora e ancora, sperando in risultati diversi.

Questo dovrebbe consentirvi di determinare quali persone intorno a voi sono in grado di mettere in discussione il paradigma in cui vivono e quali invece sono impegnate nelle false credenze che stanno alla base di quel determinato paradigma. Non perdete tempo con quest’ultimo gruppo. Qualunque siano le loro qualità redentrici e meravigliose, tentare di confrontarsi con loro attraverso la ragione, l’etica e la logica significa perdere il senso del discorso. Quando le persone si ostinano a credere a cose che sono palesemente false, è perché queste credenze danno loro conforto o perché portano loro potere e profitto. È improbabile che il dibattito possa cambiare le cose.

Dobbiamo cercare di cambiare la conversazione a livello di società in generale. Abbiamo bisogno che la gente capisca le nostre argomentazioni; dobbiamo fare in modo che le ortodossie mainstream siano viste come controverse piuttosto che come accettabili.

Ciò significa screditare l’Accordo di Parigi, le Nazioni Unite, l’Extinction Rebellion e le grandi ONG, nonché l’intera strategia di sostituzione dei combustibili fossili con l’energia verde, lasciando invariato il sistema economico globale. L’unica cosa che sarebbero riusciti a fare è stato fare un sacco di soldi. Allo stesso modo, dobbiamo diffondere una comprensione più chiara della funzione della polizia nel contesto storico, e dell’impatto della produzione economica basata sulla crescita sulla nostra salute, e del fatto che nessun governo è in grado di prendere provvedimenti per mitigare uno di questi danni.

Concentriamoci sulle persone in grado di cambiare. Quando le persone iniziano a mutare idea, è utile che possano collegarla a un cambiamento immediato nelle loro azioni. Aiutateli a individuare qualcosa di semplice da fare. Per esempio:

  • Riorientare le donazioni delle grandi ONG verso i fondi di difesa legale per i difensori della terra, le raccolte fondi per i progetti di difesa di questa, i media alternativi e le case editrici che presentano una visione realistica della crisi;
  • Scrivere una lettera a chi è stato imprigionato per sabotaggio ecologico o per essersi difeso dalla polizia, o a chi si sta organizzando per ottenere un trattamento migliore e risorse di sostentamento all’interno del sistema carcerario;
  • Diffondere sui social media notizie sulle lotte indigene per la difesa della terra in tutto il mondo;
  • Rispondere alle campagne ambientaliste mainstream o al quadro delle Nazioni Unite sul cambiamento climatico, sottolineando che si tratta di una frode e collegandosi ad articoli di larga diffusione come questo;
  • Chiedere alle biblioteche e alle librerie locali di ordinare libri con una visione realistica della crisi ecologica;
  • Avviare un gruppo di lettura con gli amici;
  • Partecipare a una protesta;
  • Sostenere un orto comunitario, un punto di distribuzione di cibo o vestiti gratuiti, un gruppo di riduzione del danno o un’iniziativa di giustizia trasformativa;
  • Trasformare un prato in un giardino per fiori selvatici e piante autoctone;
  • Sperimentare il guerrilla gardening.

South Central Farm. Discussed in Rolling Thunder #4, questo giardino a Los Angeles ha sfamato centinaia di famiglie, difendendo uno spazio verde nel deserto urbano.

Siate sinceri

L’apocalisse è già iniziata. Per decenni, milioni di esseri umani - e ora decine di milioni di esseri umani - sono morti ogni anno a causa degli effetti di questa crisi ecologica. Abbiamo superato i tassi di mortalità degli anni peggiori della Seconda guerra mondiale e dell’Olocausto, anche se non contiamo le cifre delle vittime delle guerre calde che le potenze suprematiste bianche stanno conducendo dal Niger alla Palestina, sebbene anche queste guerre siano legate a questa crisi.

Inoltre, ogni anno un numero imprecisato di specie, probabilmente migliaia, viene portato all’estinzione. Numerosi habitat ed ecosistemi si stanno perdendo per sempre. La biomassa globale, ovvero la massa totale di tutti gli esseri viventi sul pianeta, sta diminuendo in modo sostanziale. L’acqua, l’aria e il suolo sono pieni di veleni. Gli obiettivi climatici per la riduzione delle emissioni di carbonio sono probabilmente troppo ottimistici; stiamo già attraversando numerosi punti critici a 26 anni dal 2050 (l’obiettivo delle Nazioni Unite per il raggiungimento delle emissioni “nette zero”) e le proiezioni degli Stati più potenti e delle più grandi aziende indicano che non riusciremo a rispettare la scadenza auspicata del 2050. La fine di un mondo è già in atto.

Per fare ciò che dobbiamo fare, dobbiamo accettarlo e andare avanti. La sofferenza è già qui. La morte di massa è già qui. Ma dopo ogni morte c’è una nuova vita e continuerà ad esserci su questo pianeta fino all’espansione del sole, tra qualche miliardo di anni. È una questione di vita o di morte per noi, quindi dobbiamo prenderla sul serio e fare sacrifici, ma poiché è già “troppo tardi”, possiamo concentrarci sulla qualità e su inquadramenti a lungo termine, piuttosto che essere guidati da un’urgenza superficiale ed estenuante.

Almeno una cosa è certa: le comunità viventi su questo pianeta saranno in condizioni migliori se aboliremo lo Stato e il capitalismo. Se non ci riusciremo nel corso della nostra vita, staranno comunque meglio - staremo meglio - se avremo eroso la loro egemonia, se la maggior parte delle persone riuscirà a capire che le istituzioni dominanti sono responsabili di ciò che sta accadendo, se avremo aumentato la nostra capacità di guarigione e sopravvivenza collettiva.

Iniziare

Ci sono molti modi per sostenere una lotta. Anche se è facile demoralizzarsi quando la maggior parte degli oleodotti, delle basi militari, delle miniere e degli altri megaprogetti a cui ci opponiamo vengono comunque costruiti, è fondamentale impegnarsi. La rivoluzione non è una progressione lineare, non sono mille piccole battaglie che si accumulano in una grande vittoria. Sì, è necessario dimostrare che a volte possiamo vincere, ma si tratta anche della gioia e dell’esperienza che portiamo via con noi, dell’istinto tattico e strategico che sviluppiamo, del know-how tecnico, delle relazioni che costruiamo, dell’euforia di costringere la polizia a girare le spalle e a scappare, della consapevolezza che le figure autoritarie all’interno e all’esterno del movimento ci trattengono, del modo in cui nella lotta diventa chiaro che tutte le diverse questioni siloidali, tutte le diverse forme di oppressione, sono collegate.

Dobbiamo impegnarci in lotte intermedie in modo da aiutare le persone a scoprire e praticare i tipi di tattiche e le strategie che sono necessarie per un cambiamento a lungo termine.

Molte lotte degli ultimi decenni ci hanno stimolato e ci hanno trasmesso lezioni che non dovremmo mai dimenticare: le insurrezioni di Oaxaca, Grecia, Francia, Hong Kong e Cile, le assemblee decentrate del movimento di occupazione delle piazze, l’antirazzismo intransigente delle ribellioni contro la polizia.

Scavare

La sopravvivenza è iniziata ieri. Le persone nei Paesi che hanno già sperimentato il collasso, così come le comunità indigene e le comunità nere sottoproletarie di tutto il mondo, sono già in vantaggio. Imparate da chi viene da queste esperienze. Poi conoscete a fondo il vostro territorio. Scoprite da dove può arrivare il cibo e quali modifiche dovranno essere apportate alle abitazioni durante le stagioni più estreme se la rete elettrica dovesse saltare. Stabilite metodi di comunicazione e coordinamento per quando i telefoni e le connessioni internet non funzioneranno più. Imparate come accedere all’acqua potabile. Individuare i luoghi in cui il suolo è più contaminato, in modo che nessuno possa coltivarvi del cibo. Scoprite come sono coordinati i suprematisti bianchi.

E poi mettetevi al lavoro per creare più risorse alimentari comunitarie, un accesso più stabile agli alloggi e più reti di autodifesa collettiva. Sostenete qualsiasi progetto che vi ispiri e che ci renda tutti più forti sia in questo momento che in ogni probabile futuro, sia esso di collasso, di crescente autoritarismo o di guerra civile rivoluzionaria.

Connettersi con i nostri territori specifici significherà probabilmente rompere con le ideologie omogeneizzanti che insistono sul concetto che siamo tutti uguali, che non possono tenere conto del fatto che abbiamo storie e bisogni diversi e che queste storie mettono alcuni di noi in conflitto, o che basano la loro concezione di trasformazione sociale su un programma predeterminato o su un’idea di unità obbligatoria. Il futuro che dobbiamo creare è un ecosistema privo di centro.

Sognare in grande

La rivoluzione è ancora possibile. Lo possiamo affermare con sicurezza perché la storia presenta alcuni schemi nel corso dei secoli e, inoltre, perché stiamo entrando in un’epoca senza precedenti, in cui le istituzioni dominanti utilizzano piani e modelli che sono già obsoleti.

Tutte le nostre rivoluzioni degli ultimi secoli sono state in definitiva dei fallimenti. Questo significa che possiamo imparare da loro senza spegnere la nostra immaginazione o presumere di sapere come sarà una trasformazione efficace di tutta la società.

Non verrà da un progetto. Non sarà il risultato del trionfo di un partito. Sarà il risultato di innumerevoli sogni, piani, cospirazioni, folli speranze e battaglie che non possiamo ancora prevedere. Lo faremo insieme, sognando e tessendo continuamente, perché la vita libera è questo.

  1. Discuto esempi globali di questa repressione - e di come essa sia sistematicamente legata alla sostituzione dei movimenti radicali con correnti riformiste - in The Solutions Are Already Here: Strategies for Ecological Revolution from Below e They Will Beat the Memory Out of Us: Forcing Nonviolence on Forgetful Movements.